Legal

Come proteggere la vostra proprietà intellettuale?

Alcuni anni fa quando i canali YouTube di Buzzfeed iniziarono a perdere i loro migliori creatori di contenuti, si scatenò una discussione accesa sui motivi per cui avevano preso tali decisioni. Mettendo da parte le differenze e le questioni personali, la ragione principale è stata “la questione della proprietà intellettuale”. Anche se sceneggiatori, blogger e produttori di video stavano realizzando ogni tipo di materiale per la piattaforma, i loro obblighi contrattuali impedivano loro di assumere qualsiasi tipo di proprietà sul contenuto che avevano creato. Se qualcuno scriveva un blog post per il sito Web, non veniva nemmeno menzionato come creatore. Ciò ha portato a un enorme fatturato e, quindi, molti dei creatori hanno iniziato a  creare progetti in proprio.

Purtroppo la questione della proprietà intellettuale non è iniziata con Buzzfeed. Non abbiamo bisogno di andare lontano per trovare altri esempi: basta guardare Zara, che è costantemente accusata di rubare disegni da piccoli designer indipendenti o di “trarre ispirazione” da altri marchi (che è un argomento per un altro blog post). Nel mondo di oggi questa è una lotta costante, ma vorremmo parlarti di un altro esempio storico prima di approfondire i dettagli del problema in Italia.

Uno dei casi più famosi fu la disputa legale tra la Mattel e la MGA. Conosciamo tutti la famosa bambola Barbie e la sua rivale sul mercato – la Bratz. Siamo sicuri che tu ne abbia persino possedute alcune ad un certo punto. Quello che probabilmente non sai è che hanno in comune un creatore: Carter Bryant era un impiegato della Mattel, un designer di vestiti per la “perfetta ragazza americana”. Intorno all’agosto del 2000 ha creato una linea di bambole Bratz con lo slogan “Le ragazze con la passione per la moda!” con nomi “etnici” e colori della pelle più commerciabili, ma con un diverso target in mente.

Ha letteralmente realizzato un prototipo con gli scarti che ha trovato nella pattumiera di casa e il resto è storia. Due settimane prima di licenziarsi ha venduto il suo prodotto a MGA, uno dei maggiori concorrenti di Mattel, e da un prototipo è stata creata una linea di prodotti completa con quattro personaggi. Poi sono arrivate una serie di azioni legali, in cui Mattel ha fatto causa a tutti (sia MGA che Bryant) per aver rubato le sue idee, e di contro MGA ha intentato una causa contro Mattel. Quella che all’inizio era una “semplice” controversia sulla proprietà intellettuale, si è poi trasformata in una discussione approfondita sull’emancipazione delle donne, la sovrasessualizzazione del corpo della donna e molte altre questioni sociali. Ma la domanda iniziale era la stessa: chi possedeva cosa?

In Italia la legge sulla proprietà intellettuale copre la maggior parte delle situazioni. Gli articoli 64 e 65 del Codice della Proprietà Industriale (CPI) regolano tutti i diritti relativi alle invenzioni industriali concepite dai dipendenti nel corso del loro rapporto di lavoro.

In dettaglio, l’art. 64 CPI distingue diversi tipi di invenzioni, sulla base di due criteri principali:

· Il tipo di contratto che un dipendente ha al momento dell’assunzione

· Il tipo di invenzione, nel rispetto del campo di attività del datore di lavoro

Questi due criteri sono divisi in tre categorie:

1) “invenzioni di servizio”

2) “invenzioni d’azienda”

3) “invenzioni occasionali”

Per comprendere meglio queste categorie mettiamole in parole più semplici. Nel contesto di questa legge sotto invenzioni di servizio (art. 64, comma 1) considereremmo le creazioni che sono fatte sotto un obbligo contrattuale. In due parole: sei pagato per inventare/creare qualcosa per il tuo datore di lavoro. È ciò che sei stato assunto per fare, ciò per cui sei pagato con un contratto sinallagmatico. In sostanza manterresti il ​​tuo diritto “morale” a essere riconosciuto come autore (assicurati di discuterne al momento della sottoscrizione del contratto), ma tutta la proprietà appartiene al tuo datore di lavoro e tu non puoi farci nulla.

Le invenzioni d’azienda (art. 64, comma 2) possono sembrare inizialmente simili alla prima categoria, ma hanno un tono più “improvvisato”, per così dire. Potremmo definirla un’invenzione non intenzionale – in pratica significa che ti è capitato di aver creato qualcosa di unico o di aver inventato qualcosa mentre svolgevi i tuoi compiti per l’azienda, qualcosa che è collegato al tuo campo di attività, ma la cui invenzione non era uno scopo del tuo contratto. In questo caso un datore di lavoro ha il diritto di brevettare, monetizzare l’invenzione e pubblicarla sul mercato, ma un dipendente ha diritto a un equo compenso e ai diritti d’autore.

Infine, ma certamente non meno importanti, le “invenzioni occasionali” (articolo 64, paragrafo 3). Probabilmente il caso più interessante di tutti e tre. E il più complicato: copre tutto ciò che un dipendente crea o inventa al di fuori del luogo di lavoro, ma è ancora correlato all’area in cui un datore di lavoro concentra la propria attività. Un datore di lavoro ha il diritto di scegliere (ammesso che abbia compilato la domanda di brevetto tre mesi prima) tra il diritto di utilizzare l’invenzione, di acquistarne il brevetto o di richiedere o acquisire brevetti all’estero.

Dopotutto il diritto a una giusta ricompensa si applica a tutti i casi, che sia stato intenzionale o meno. Ma in determinate circostanze bisogna presentare un brevetto. La domanda è se vuoi essere il proprietario unico di un’idea o essere menzionato solo come “autore” – ciò deve essere specificato nel tuo contratto. Se ti trovi mai in una situazione simile, puoi sempre contattare Caronte Consultancy e i nostri avvocati saranno felici di gestire il tuo caso.


Protect your intellectual property!

Who owns what in a workplace environment?

Photo by Jonathon Young on Unsplash

A few years ago, when Buzzfeed’s YouTube channels started losing its top content-creators, it sparked a heated discussion about the reasons they had taken such decisions. Putting personal differences and issues aside, the most popular reason was “issue of intellectual property”. Even if script-writers, bloggers and video makers were making every kind of material for the platform, their contractual obligations stopped them from assuming any type of ownership over the content they created. If anyone was writing a blogpost for the website, they were not mentioned even as a creator. That lead to a lot of turnover and many of the creators went to create solo projects.

The issue of intellectual property hasn’t started with Buzzfeed, unfortunately. We don’t need to go far for examples – just look at Zara, who is constantly accused of stealing designs from smaller creators or “taking an inspiration” from other brands (which is a topic for another blogpost). It’s a constant struggle in today’s world, but we would like to tell you about another historical example before we dive in into details of the issue in Italy.

One of the most famous ones was a legal dispute between Mattel and MGA. We all know the famous Barbie doll and her market rivals – Bratz. We are sure you even owned some of them at some point. What you probably don’t know is that they have the same contributor – Carter Bryant was a Mattel employee, a clothes designer for the “perfect all-American girl”. Around August 2000 he created a line of Bratz dolls with a slogan “The girls with a passion for fashion!” with more marketable “ethnic” names and skin colors, but with a different demographic in mind.

He literally made a prototype of scraps he found in his trash bin at home and the rest was history. Two weeks before quitting, he sold his product to MGA, one of Mattel’s biggest competitor, and a prototype became a full-on product line with four characters. Then came a line of lawsuits, where Mattel sued everyone (both MGA and Bryant) for stealing their ideas, and MGA filed a lawsuit against Mattel in return. What was a “simple” intellectual property litigation at the beginning, lately developed into a full-on discussion about women empowerment, oversexualization of the woman’s body and many other social issues. But the initial question was the same – who owned what?

In Italy, the law on intellectual property is fairly covered. Articles 64 and 65 of the Codice della Proprietà Industriale (CPI) are regulating all rights regarding the industrial inventions conceived by employees during the course of their employment.

In details, Art. 64 CPI distinguishes different types of inventions, on the basis of two main criteria:

·        the type of contract an employee has upon the moment of hiring

·        the type of invention, with the respect to the employer’s field of activity

These two criteria are divided into three categories:

1) “service inventions”

2) “business inventions”

3) “occasional invention”

To better understand these categories, let’s put them into simpler words. In the context of this law, under service inventions (art. 64, paragraph 1) we would consider creations that are made under a contractual obligation. In two words – you are paid to invent/create something for your employer. It is what you were hired to do, what you are paid for, under a synallagmatic contract. Basically, you would retain your “moral” right to be recognized as the author (be sure to discuss that moment in the contract), but all ownership belongs to your employer and you can’t do anything about that.

Business inventions (art. 64, paragraph 2) may sound similar at first to the first category, but they have a more “improvised” tone, so to speak. You could call it an unintentional invention – it basically means that you happened to have created something unique or invented anything while performing your tasks for the company and that is connected to your field of business, but the invention of which was not a purpose of your contract. In this instance, an Employer has the right to patent, monetize the invention and release it on the market, but an Employee is entitled to a fair compensation and author rights.

Last, but certainly not least – the “occasional inventions” (article 64, paragraph 3). Arguably, the most interesting case out of all three. And the trickiest one – it covers everything an Employee creates or invents outside of the workplace, but it is still correlated to the area where an Employer is focusing his or her activity in. An employer has the right to choose (assuming he filled in patent applications three months prior) between a right to use the invention, to purchase the patent or to apply for or acquire patents abroad.

Afterall, the right to a fair reward applies to every case – whether it was intentional or not. But under certain circumstances – a patent must me filed. The question is whether you want to be a sole owner of an idea or be mentioned just as an “author” – that must be detailed in your contract. If you ever find yourself in a similar situation, you can always contact Caronte Consultancy and our lawyers will handle your case.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...